Il futuro è passato

Olga Scotto di Vettimo |  | Napoli

Le opere di Adrian Tranquilli (Melbourne, 1966), in mostra fino al 6 giugno al Museo Archeologico Nazionale di Napoli, costruiscono un percorso di grande suggestione evocativa che si articola tra il piano terra, i cortili, le Gallerie Farnesiane e il primo piano del museo

La mostra retrospettiva, curata da Eugenio Viola con il coordinamento di Marco De Gemmis, suggerisce un’inversione temporale giocata contemporaneamente su più piani. «Giorni di un futuro passato» significa, dal punto di vista dell’artista, uno sguardo retrospettivo nel suo lavoro; dal punto di vista dell’opera, una citazione virgolettata da «X-Men», saga degli anni Ottanta di eroi mutanti di Marvel Comics; dal punto di vista del luogo, infine, l’avverarsi dell’ossimoro del titolo della mostra, che propone un confronto tra l’antico e le visioni del contemporaneo, tra l’archeologia e la fantascienza.

Il lavoro ventennale di Tranquilli,
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Olga Scotto di Vettimo