Il Cristo di Erasmo

Donald Lee |  | Basilea (Svizzera)

È il cinquecentenario del suo Nuovo Testamento in greco   

«Cristo come Salvator Mundi» (1500 ca) di anonimo, Basilea, Kunstmuseum. Courtesy Kunstmuseum BaselDesiderius Erasmus (1466-1536) fu uno degli intellettuali politicamente e teologicamente più influenti del periodo della Riforma. Nato a Rotterdam, la sua conoscenza del latino fu la strada che gli permise di trovare l’Umanesimo. Ordinato sacerdote nel 1492, la sua nomina a segretario del vescovo di Cambrai lo esentò dai tradizionali limiti della vita religiosa, consentendogli di studiare alle università di Parigi, Lovanio e Torino. In seguito divenne amico di molti personaggi pubblici inglesi, in particolare Tommaso Moro.

Nonostante la sua totale lealtà alla Chiesa cattolica, le sue critiche degli abusi ecclesiastici e il rifiuto della tradizione scolastica gli attirarono una tale ostilità che fu costretto a trasferirsi a Basilea, dove poteva esprimersi più liberamente. Qui, nel 1516, Erasmo pubblico il Nuovo Testamento in greco (per consentire
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Donald Lee