Il contemporaneo ha fatto sboom? Meno male!

Il segnale che arriva dalle vendite londinesi di Phillips e Sotheby’s, rimaste poco al di sotto delle stime, per alcuni addetti ai lavori è un sintomo di salute del mercato. Record d'asta per Rotella e Burri

L'eccezione che conferma la regola: tra le poche opere che hanno superato le stime, il dipinto di Lucian Freud raffigurante una sua giovanissima amante incinta (a sinistra), un grande dipinto d'après Van Gogh del giovane romeno Adrian Ghenie (al centro) e «Sacco e Rosso», un lavoro del 1959 di Alberto Burri (a destra), che ha cambiato titolare per 11,7 milioni, record d'asta per l'artista umbro
Anny Shaw |

Londra. Su uno scenario economico mondiale di mercati azionari in forte oscillazione e un prezzo del petrolio in caduta libera, le prime due aste londinesi della settimana hanno dimostrato che il mercato dell’arte contemporanea ha perso buona parte dello smalto dei tempi migliori.

Nella prima vendita, quella di Phillips del 9 febbraio di arte del XX secolo e contemporanea, il 65% delle opere aggiudicate non hanno raggiunto le stime o hanno oltrepassato di poco  la soglia minima. Lo stesso totale di 31,5 milioni di euro diritti compresi è rimasto al di sotto del valore minimo delle stime preasta, 33,2 milioni di euro. La percentuale di venduto per numero di lotti è stata del 79%.

Il ceo di Phillips Ed Dolman si è affrettato a minimizzare questa tendenza al ribasso: «Non pare un crollo, ha puntualizzato, sembra davvero soltanto un mercato più selettivo». Certo, opere di alta qualità e con stime
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Anny Shaw