Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Il cielo è di Nut

La spiritualità egizia e le sue rappresentazioni al Civico Museo Archeologico di Milano

Particolare del sarcofago a cassa di Peftjauauyaset con raffigurazione della dea Nefti. XXVI dinastia, 664-525 a.C. © Milano, Civico Museo Archeologico

Nel vasto e multiforme pantheon egizio, Nut era la dea del cielo, colei che ogni mattina partoriva il sole dopo che questi si era inabissato in quel mondo sotterraneo (Caos) che mette costantemente a repentaglio la sicurezza del mondo creato (Cosmo). Non poteva che essere lei, dunque, la divinità eponima della mostra che il Civico Museo Archeologico di Milano dedica fino al 20 dicembre alla spiritualità egizia e alle sue rappresentazioni.

Curata da Sabrina Ceruti e Anna Provenzali, «Sotto il cielo di Nut. Egitto divino» (catalogo Officina Libraria) presenta oltre 150 opere suddivise in quattro sezioni, molte delle quali provengono dalla collezione egizia del museo milanese, arricchite però da importanti prestiti dalle nostre maggiori istituzioni archeologiche (di Torino, Firenze, Bologna, Trieste e Università di Pavia).

La prima sezione guarda alla cosmogonia egizia e ai molti diversi volti (accomunati però dalla costante riflessione sull’Aldilà e sull’equilibrio precario tra forze generatrici e distruttrici) che essa assunse nel tempo e nei diversi centri dell’Egitto antico.

La seconda esibisce le differenti forme (antropomorfe, animali o ibride) assunte delle divinità egizie, e il culto degli animali, diffuso soprattutto dal I millennio a.C. Tocca poi ai segni della devozione per gli dèi (onnipresenti nella loro quotidianità, sebbene mediati dalla figura del faraone) e alla magia, strumento per accedere al divino.

Infine va in scena l’Aldilà, dove i defunti più meritevoli sono essi stessi destinati a diventare entità divine, mentre il rituale funebre, indispensabile per la sopravvivenza ultramondana, è illustrato dall’applicazione 3D interattiva Pervival (di Computer Vision&Reverse Engineering e Virtual Reality-Politecnico di Milano, che l’ha prodotta con Fondazione Cariplo).

Ada Masoero, da Il Giornale dell'Arte numero 4, agosto 2020



GDA410 SETTEMBRE 2020

GDA410 Vernisage

GDA410 GDEconomia

GDA410 GDMostre

GDA410 Vedere a Milano

GDA410 Vedere a Venezia

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012