Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Fotografia

I vent'anni della Art Collection Deutsche Börse

Le 1.800 opere della raccolta toccano molti nervi scoperti della realtà sociale

Una veduta dell'interno di The Cube, la sede della Deutsche Börse Photography Foundation a Eschborn, presso Francoforte

Eschborn (Germania). Non era scontato nel 1999, quando il Deutsche Börse Group di Francoforte dava il via alla sua collezione d’arte, che vent’anni dopo si sarebbe celebrato l’anniversario di una delle più cospicue raccolte di fotografia contemporanea a livello internazionale, quale oggi è la Art Collection Deutsche Börse: 1.800 opere realizzate dalla metà del secolo scorso ad oggi da più di 120 artisti, tra i quali si trovano sia i classici della contemporaneità, sia le nuove generazioni.

Declinati tra paesaggio, street photography, ritratto, still-life e messa in scena, i lavori toccano molti nervi scoperti della realtà sociale, come il razzismo, le conseguenze dei conflitti, l’ambiente, le identità nazionali e quelle di genere, oltre a interrogarsi sulla natura stessa della fotografia. Produzioni che non sono destinate al mercato o da considerarsi di qualità perché appese nei musei, ma che «hanno tutte una cosa in comune: trattano ed esplorano la conditio humana».

Un patrimonio che nel 2015 trova casa a Eschborn, poco fuori Francoforte, nell’enorme spazio di The Cube, sede della Deutsche Börse Photography Foundation, istituita quell’anno come organizzazione non profit responsabile della conservazione, presentazione e sviluppo della raccolta, e le cui attività hanno l’obiettivo di promuovere la fotografia contemporanea. A questo scopo vengono attivate numerose sponsorship, prima fra tutte quella a supporto del premio fondato nel 1997 dalla Photographers’ Gallery di Londra, dal 2005 Deutsche Börse Photography Prize per l’intervento del gruppo tedesco, e dal 2016 Deutsche Börse Photography Foundation Prize, riconoscimento che col tempo è diventato indicatore dell’orizzonte fotografico contemporaneo.

Anche il sostegno ai giovani artisti è una priorità della fondazione, come dimostrano i programmi di formazione, le borse di studio e le collaborazioni con altre istituzioni, come la partnership con il Foam Talents Programme del museo di Amsterdam.

Per il ventesimo anniversario della sua Art Collection, la fondazione organizza una serie di appuntamenti sul tema «From Another Perspective». Si parte da «We Love Photography», in corso fino al 24 maggio a The Cube, dove i 130 lavori selezionati da Martin Parr confermano che la collezione «rappresenta gli sviluppi più significativi della fotografia degli ultimi anni».

Dal 3 maggio al 7 luglio poi il Foam di Amsterdam presenta i quattro capitoli consecutivi di «Changing Views - 20 Years of Art Collection Deutsche Börse», a sottolineare la varietà e la qualità della raccolta; senza dimenticare che fino al 2 giugno i lavori dei finalisti del Deutsche Börse Photography Foundation Prize 2019 sono esposti alla Photographers’ Gallery, per spostarsi dal 14 giugno al 23 agosto a The Cube. Qui lasceranno infine il posto al «Foam Talents 2018» (dal 6 settembre al primo novembre), con le opere dei 20 artisti selezionati per l’ultimo Talent Programme.

Chiara Coronelli, da Il Giornale dell'Arte numero 397, maggio 2019


Ricerca


GDA settembre 2019

Vernissage settembre 2019

Il Giornale delle Mostre online settembre 2019

Ministero settembre 2019

Guida alla Biennale di Firenze settembre 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere a Firenze 2019

Vedere in Calabria 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Vedere in Trentino luglio 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012