I tardogotici, più vicini alla realtà

La mostra alla Gemäldegalerie comprende soggetti spesso poco noti alle nostre latitudini

«Incantesimo d’amore» (1470 ca) di un maestro della scuola di Colonia (particolare). © Museum der bildenden Künste, Leipzig / Michael Ehritt
Francesca Petretto |  | Berlino

La Gemäldegalerie riapre alla grande proponendo fino al 5 settembre la mostra «Tardogotico. L’alba dei tempi moderni». Per renderla possibile ha attinto al ricchissimo patrimonio di opere d’arte delle collezioni dei Musei Statali di Berlino, affiancandole a prestiti dalla National Gallery di Londra, dal Rijksmuseum di Amsterdam e dal Germanisches Nationalmuseum di Norimberga: circa 130 pezzi afferenti a pittura, arte dell’incisione e della stampa, scultura, oreficeria e artigianato fiorite soprattutto in Germania a partire dal 1430, grazie all’influenza della vicina scuola olandese-fiamminga.

All’arte sacra si affianca, crescendo d’importanza negli anni, quella profana e con essa l’attenzione alla biografia di artisti e maestri del nuovo modo di interpretare soggetti, luci, colori e spazio, sempre più vicini alla realtà.

Ad aver più di tutto favorito questo sviluppo delle arti tutte in Europa è stata l’invenzione della stampa a caratteri mobili e dunque la possibilità di riprodurre immagini e motivi da diffondere, copiare e rivisitare, oltre che fortuna dell’opera di divulgazione dei libri e dell’arte tipografica: la Bibbia di Gutenberg (1454) è l’anno zero dell’arte tardogotica, per estensione moderna.

La mostra, a cura di Julien Chapuis, Stephan Kemperdick, Lothar Lambacher e Michael Roth, sotto la direzione di Michael Eissenhauer, è una miniera di suggestioni e soggetti spesso poco noti alle nostre latitudini che pure molto influenzarono le arti nel Sud dell’Europa.

© Riproduzione riservata «La Regina di Saba davanti a Re Salomone», di Konrad Witz, Basilea, 1435–40 ca. © Staatliche Museen zu Berlin, Gemäldegalerie / Jörg P. Anders «La Madonna sulla panca davanti al prato con una famiglia di donatori», di un maestro di Colonia, ca. 1460 (particolare). © Staatliche Museen zu Berlin, Gemäldegalerie / Christoph Schmidt
Calendario Mostre
Altri articoli di Francesca Petretto
Altri articoli in MOSTRE