I Poirier come Doré

Come il celebre illustratore ottocentesco loro connazionale, la coppia di artisti francesi interpreta la Divina Commedia in tre sedi milanesi: alla Casa degli Artisti, da Fumagalli e da Antonini

«Purgatoire» (2020) di Anne e Patrick Poirier (particolare). Cortesia degli artisti e della Galleria Fumagalli. © Adagp, Parigi. Foto J.C. Lett
Ada Masoero |  | Milano

Tripartita, come lo è la Divina Commedia cui è dedicata e da cui è generata, la mostra «Anne & Patrick Poirier. Hommage à Dante: Enfer, Purgatoire, Paradis», curata da Lóránd Hegyi e Angela Madesani, si dipana tra la Casa degli Artisti (dal 10 gennaio al 15 febbraio), dove va in scena la prima cantica, la Galleria Fumagalli (dall’11 gennaio al 16 aprile), dove ci s’immerge nella seconda, e la sede di Antonini Milano, in Palazzo Borromeo (dal 12 gennaio al 31 marzo), dove si ascende alla luce del Paradiso.

Innamorati dell’Italia, dove hanno vissuto tra il 1968 e il 1972, quand’erano residenti all’Académie de France in Villa Medici a Roma, e dove ritornano di frequente, i due artisti, nati nel 1941 lei, nel 1942 lui, che da oltre 50 anni lavorano in coppia riflettendo sul nostro tempo e sulla fragilità della memoria, si sono immersi nell’opera di Dante nei mesi del lockdown, vissuti nell’isolamento della loro casa in Provenza.

E da quella rilettura, segnata dallo sgomento che la pandemia ha generato in ognuno di noi, hanno saputo trarre un corpus di opere di grande forza emozionale in cui, proprio come nella Commedia, ricorrono tre linguaggi di segno differente. Così, per l’Inferno, la più «narrativa» delle tre cantiche, hanno creato una striscia disegnata, lunga 30 metri e alta 80 centimetri, una sorta di fumetto distopico in cui scorrono le vicende dei dannati, in un universo desolato fatto di soli rossi e neri.

Più «pittorico» (come nel poema dantesco) il Purgatorio, realizzato con una serie di opere indipendenti, e del tutto astratto e filosofico il Paradiso, in cui i riferimenti al testo dantesco si riverberano con naturalezza sui grandi temi del nostro tempo.

© Riproduzione riservata
Calendario Mostre
Altri articoli di Ada Masoero

Le donne delle Fondazioni: perché siamo differenti, che cosa vogliamo dare (e ricevere). 4

Dieci istituzioni dedicate all’arte contemporanea ci raccontano finalità, modalità e criticità. Tutte vorrebbero più collaborazione tra privato e pubblico e agevolazioni dallo Stato, quali ArtBonus e imposizione fiscale più comprensiva dei loro nobili scopi. L’incognita: quale futuro dopo le fondatrici? Altre due istituzioni: la Fondazione Luigi Rovati (risponde Giovanna Forlanelli) e la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo (risponde Patrizia Sandretto Re Rebaudengo)