Guttuso, chiuso e riaperto. E poi? Costa troppo, rende poco

Giusi Diana |

È bufera sulla Civica Galleria d’arte moderna e contemporanea Renato Guttuso di Villa Cattolica dopo che un’ordinanza, firmata dal sindaco grillino Patrizio Cinque il 23 novembre, ne ha disposto a sorpresa la chiusura, destinando ad altre sedi il personale in servizio, dichiarato in eccedenza.
Immediata la reazione di Fabio Carapezza Guttuso, figlio adottivo del pittore di Bagheria e presidente degli Archivi Guttuso, che si è dichiarato pronto a ritirare le opere: «La chiusura del Museo Guttuso e la dismissione del personale che lo amministrava lede, sia giuridicamente che affettivamente, la validità e il significato degli atti che hanno consentito la creazione del Museo Guttuso, ospitato a Villa Cattolica (...). Venendo meno la fruizione non ha più senso la permanenza della collezione, gli Archivi si riservano di valutare l’opportunità di chiedere la restituzione delle opere». Per scongiurare il peggio, il
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Giusi Diana