Guttuso cerca una nuova governance

Giusi Diana |  | Bagheria (Pa)

Dopo un restyling durato quasi due anni, riapre le porte il 26 dicembre, data di nascita di Renato Guttuso (Bagheria 1911-Roma 1987), il museo a lui intitolato e dove riposa, nell’arca funebre scolpita da Giacomo Manzù.

La Civica Galleria d’arte moderna e contemporanea era stata chiusa dal sindaco Patrizio Cinque una prima volta a novembre 2014, ufficialmente per l’inizio dei lavori di ristrutturazione e riqualificazione, finanziati con 2,5 milioni di euro di fondi europei, ma anche per l’esiguità degli incassi a fronte di rilevanti costi di gestione e stipendi.

Dopo la bufera suscitata e l’immediata reazione degli Archivi Guttuso, la riapertura temporanea e poi una seconda chiusura, a giugno 2015, dopo avere ospitato la mostra «Guttuso ritratti e autoritratti», per portare a termine i lavori di impiantistica. Alterne vicende che hanno tenuto con il fiato sospeso. Adesso la riapertura con un nuovo
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Giusi Diana