GDA414 in edicola
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

Archeologia

Google Arts & Culture porta l'antico Egitto alle masse

Sulla piattaforma ora è possibile fare tour online dei siti archeologici più importanti

Le Piramidi di Giza

«Dalle tombe faraoniche, alle moschee mamelucche, dai monasteri copti alle ville romane», ora è possibile fare tour online dei siti archeologici più importanti dell'Egitto. L'organizzazione Google Arts & Culture ha collaborato con gli archeologi dell'American Research Center in Egypt del Cairo per creare la piattaforma digitale «Preserving Egypt’s Layered History», rivelando «storie di restauro da diverse località in Egitto». «Con questo progetto in particolare, speriamo di portare un argomento tipicamente accademico alle masse, e renderlo facilmente fruibile e divertente da esplorare», afferma un portavoce di Google Arts & Culture.

Più di 35 sezioni online si concentrano su argomenti come la conservazione del monastero di Sant'Antonio, un'antica chiesa copta situata 334 km a sud-est del Cairo. Una proiezione di diapositive spiega che «i magnifici dipinti murali della chiesa sono stati danneggiati nel tempo; e spessi strati di fuliggine coprivano la maggior parte delle superfici a causa dei molti anni in cui sono state utilizzate candele e lampade a olio».

Un'altra sezione si concentra sulla moschea di Aslam al-Silahdar, un monumento storico situato nel centro storico del Cairo che fu costruito nel 1344. «La conservazione e la documentazione della moschea di Aslam al-Silahdar è stata implementata dall'Aga Khan Trust for Culture in collaborazione con il Ministero delle Antichità egiziano», si legge in una dichiarazione che elenca i collaboratori.

La morte di un funzionario di alto rango che visse 3mila anni fa chiamato Menna viene esplorata in «Come arrivarono gli antichi egizi nell'aldilà?», e un testo sul processo di mummificazione spiega che «in una cerimonia piuttosto complicata chiamata "Apertura della Bocca", un sacerdote aprì simbolicamente la bocca e il naso del defunto Menna in modo che potesse mangiare, bere e respirare, proprio come qualsiasi essere umano».

Nel frattempo, quattro donne egittologhe condividono i segreti del loro campo in un'altra parte del sito. A Yasmin El Shazly, vicedirettore per la ricerca e i programmi dell'American Research Center, viene chiesto quali pericoli oggi minacciano il patrimonio egiziano. «Cambiamenti climatici e saccheggi», dice. «La terra d'Egitto è ancora piena di antichità in attesa di essere scoperte e molte famiglie con difficoltà finanziarie sognano di trovare il tesoro che potrebbe invertire le loro fortune».

Il progetto e il contenuto sono stati supervisionati da Louise Bertini, direttore esecutivo dell'American Research Center in Egypt, e Chance Coughenour, responsabile della conservazione di Google Arts & Culture. «Questi progetti prendono di solito corpo in modi molto diversi tra loro, ma in questo caso l'American Research Center in Egypt ci ha contattato per lavorarvi insieme da subito», afferma il portavoce di Google Arts & Culture.

Gareth Harris, edizione online, 26 gennaio 2021

©RIPRODUZIONE RISERVATA
GDA414GDA414 VERNISSAGEGDA414 GDECONOMIAGDA414 GDMOSTREGDA414 RA ASTE
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012