Gli incontri selvaggi di David Yarrow ai confini del mondo

Il fotografo scozzese, celebre per i suoi reportage di natura, presenta a Milano il suo ultimo libro

Una fotografia tratta dal volume di David Yarrow: «The last of the big hunters»
Chiara Coronelli |

Milano. Preparazione tecnica e sfida fisica, logistica e improvvisazione, ricerca meticolosa e coraggio, sono tra le componenti del lavoro di David Yarrow, definito «best selling wildlife photographer», famoso per i suoi reportage di natura tradotti in opere fine art.

Il fotografo scozzese, nato a Glasgow cinquant’anni fa, il 16 novembre incontrerà il pubblico italiano alla Triennale di Milano, per presentare i suoi Wild Encounters, ultimo libro appena pubblicato da Rizzoli New York. Nominato Nikon Ambassador, e sostenuto dall’organizzazione Tusk Trust, alla quale l’autore devolverà le royalty, Yarrow ha l’onore di una prefazione firmata dal principe William che, senza nascondere il suo entusiasmo, ha dichiarato che le sue fotografie hanno il potere di influenzare il nostro modo di vedere il regno animale.

Il volume ripercorre le esplorazioni degli ultimi cinque anni non solo in Africa, il
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata Una fotografia tratta dal volume di David Yarrow: «Grumpy Monkey» Un ritratto di David Yarrow La copertina del volume David Yarrow all'opera Una fotografia tratta dal volume di David Yarrow: «Hello» Una fotografia tratta dal volume di David Yarrow: «The Wolf of Main Street» Una fotografia tratta dal volume di David Yarrow: «Heaven can't wait»
Altri articoli di Chiara Coronelli