Gli animali di McCurry al Centro Saint-Bénin

I primi scatti risalgono al 1991, quando il fotografo si reca in Kuwait per la prima Guerra del Golfo

«Maimana. Afghanistan», 2003, di Steve McCurry. © Steve McCurry
Monica Poggi |  | Aosta

Fino al 6 ottobre il Centro Saint-Bénin ospita «Steve McCurry. Animals», mostra a cura di Biba Giacchetti promossa dalla Regione autonoma Valle d’Aosta. Una prospettiva inedita per il lavoro di uno degli autori più riconosciuti della fotografia mondiale, indagato in questa sede attraverso immagini che si concentrano sul rapporto fra uomo e animali.

Le prime risalgono al 1991, quanto McCurry si reca in Kuwait per documentare l’andamento della prima Guerra del Golfo. Qui assiste a una delle più grandi catastrofi ecologiche di tutti i tempi, la distruzione dei pozzi di petrolio da parte delle truppe di Saddam Hussein, e decide di puntare l’obiettivo sulla fauna locale vittima dell’assurdità di tali scelte.

In quest’occasione realizza fotografie come quella con i cammelli stagliati di fronte a un orizzonte infuocato e quella con un uccello dagli occhi rossi sbarrati, completamente ricoperto dal
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Monica Poggi
Altri articoli in MOSTRE