Gli abiti sono abitati

Silvano Manganaro |  | Roma

La Galleria Z2O propone sino al 16 maggio una personale della finlandese Kaarina Kaikkonen (1952), nota per le sue grandi installazioni realizzate con indumenti stesi al vento, immagine plastica di vita vissuta e delle identità che ognuno di noi, in questa occasione è proprio il caso di dirlo, indossa o si cuce addosso.

Come spiega l’artista, l’indumento conserva i segreti che le persone si portano dentro, la sua storia; farne materia prima per le opere è quindi un modo per coinvolgere i segmenti di vita dei singoli individui nella propria arte, sublimandola in un sentimento corale e universale. Da più parti il lavoro della Kaikkonen è interpretato come opera partecipata o relazionale (l’autrice chiede specificamente alle persone del luogo di donare i propri vestiti) più che come esercizio estetico, cromatico e, in definitiva, concettuale.

La mostra ospita una parte della produzione dell’artista che, da
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Silvano Manganaro