Giustizia e Comitas su colofonia

Arianna Antoniutti |  | Città del Vaticano

Il restauro delle pareti della Sala di Costantino terminerà nel 2020 in occasione dei 500 anni della morte di Raffaello

Da marzo 2015 è in corso il restauro della Sala di Costantino, cronologicamente l’ultima fra le Stanze di Raffaello in Vaticano, gli ambienti che il pittore iniziò ad affrescare per Giulio II nel 1508. Scomparso Raffaello nel 1520, la Sala di Costantino venne portata a compimento dai suoi collaboratori Giulio Romano e Giovan Francesco Penni. Ma dal restauro sono emerse rilevanti novità, illustrate da Barbara Jatta, direttrice dei Musei Vaticani: «Le fonti storiche ci annunciavano la presenza di Raffaello nella Sala di Costantino, ma solo grazie al restauro è stato possibile affermare con certezza che le due figure femminili della Comitas, l’amicizia, e della Giustizia, sono di mano dell’urbinate, che le eseguì con l’inusuale tecnica dell’olio su muro. Più che una scoperta, possiamo
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Arianna Antoniutti