Genesi tra le Alpi

Chiara Coronelli |  | Bard (Ao)

«Siamo animali terribili noi umani. La nostra è una storia di guerre, una storia senza fine, folle». Quando si ammala per avere guardato troppo a fondo nella sofferenza umana, è l’orizzonte della natura che riporta Sebastião Salgado dietro l’obiettivo. Per otto anni, a partire dal 2003, attraversa i continenti per documentare la bellezza della Terra, e capirne il valore per poterla difendere.

Nasce così «Genesi», un progetto monumentale che dal 2013 viene esposto nel mondo e che in Italia, dopo l’anteprima a Roma (cfr. n. 330, apr. ’13, p. 31) e le tappe di Venezia e Milano, si può rivedere al Forte di Bard fino al 30 settembre. Nelle sue oltre duecento immagini in bianco e nero, suddivise in cinque sezioni, passano Argentina e Antartico («Sud del Pianeta»), «Africa», «Emisfero Nord», le biodiversità che si preservano nei «Santuari del Pianeta» e la ricchezza sorprendente dell’«Amazzonia».

In questo suo
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Chiara Coronelli