Future miss a stelle e strisce e l'infanzia negata dei bambini siriani: immagini di opposti non complementari

Un bambino siriano ritratto da Jean-Claude Chincheré
Chiara Coronelli |

Torre Pellice (Torino). Il baraccone dei concorsi di bellezza per infanti, che negli Stati Uniti rappresentano un giro d’affari che conta 25mila gare per oltre tre milioni di piccole concorrenti, fa da contaltare alle migliaia di bambini siriani che hanno negli occhi un dolore muto, con il quale si è subito adulti. Viaggi tra loro lontanissimi, realizzati da due diversi obiettivi, quello di Barbara Baiocchi, giovane fotografa romagnola, e quello di Jean-Claude Chincheré, ancor più giovane reporter valdostano. I loro lavori sono riuniti nella mostra «Opposti non complementari», curata da Andrea Balzola e allestita fino al 7 gennaio alla Civica Galleria d’Arte Contemporanea Filippo Scroppo.

Le bambine riprese dalla Baiocchi sono agghindate come adulte, con sorrisi ad uso e consumo del pubblico, trattate come cani ammaestrati e sempre in posa, dirette da madri orgogliose che espongono le figlie come
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata Una bambina siriana ritratta da Jean-Claude Chincheré Un bambino siriano ritratto da Jean-Claude Chincheré Una bambina statunitense agghindata per un concorso. Lo scatto è di Barbara Baiocchi Una bambina statunitense agghindata per un concorso. Lo scatto è di Barbara Baiocchi Un bambino statunitense agghindato per un concorso. Lo scatto è di Barbara Baiocchi Genitori immortalano i piccoli partecipanti ai concorsi di bellezza.  Lo scatto è di Barbara Baiocchi
Altri articoli di Chiara Coronelli