Francesco, come here!

Franco Fanelli |

Dive, lacrime, kitsch e pastiche nella monografia ricamata di Vezzoli

«Marcello, come here!» chiede Anita Ekberg a Marcello Mastroianni nella celeberrima scena girata in una notturna Fontana di Trevi in «La dolce vita». «Francesco, please, call me back!» implora Bianca Jagger in «The End of Human Voice», una videoproiezione del 2011 di Francesco Vezzoli. A essere richiamata sulla scena dal quarantacinquenne artista che, nonostante la formazione al trendyssimo Central Saint Martin’s College of Art and Design di Londra e la frequentazione continua del jet set internazionale dell’arte, ha conservato un marcato accento bresciano (quel profumo di provincia che gli conferisce appunto un che di felliniano) è una schiera di dive più o meno sfiorite, da Paola Borboni a Ornella Muti, da Veruschka a Maria Callas, protagoniste di  numerose sue opere.

L’arte (e l’artista), che per strategie di marketing e per modalità
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Franco Fanelli