Flash News dal mondo Arte e Imprese | Aprile 2022

Sinergie tra Accademia di Brera e Luxurytina, Accademia Carrara di Bergamo e PwC Italia | Prada, programma triennale di sostegno a designers | Pesaro, street art per la nuova sede di Teknowool | Nasce la rete dei musei d'impresa calabresi | Livorno, nuovo Museo presso lo stabilimento Leonardo

Prada Group, Dorchester Industries Experimental Design Lab
Maria Elena Santagati |

Accademia di Brera e Luxurytina, mostra finale del progetto «L'arte fa bene al business»
Attualmente in corso presso l’Accademia delle Belle Arti di Brera a Milano, la mostra «Passion Fashion», visitabile fino al 22 aprile, espone, nella Sala Napoleonica, opere di giovani artisti dell’Istituto realizzate nell’ambito di un progetto svolto in collaborazione con Luxurytina, azienda tessile del comparto moda attiva da oltre quarant’anni con sede a Gallarate (VA). Una vera e propria collaborazione tra arte e impresa, grazie alla quale è stata realizzata, attraverso dei workshop, una contaminazione tra artisti e dipendenti dell’azienda, ritratti in 12 opere pittoriche e un video-art. L’azienda sosterrà inoltre due borse di studio per merito ai giovani artisti più meritevoli. «I risultati del progetto «L’Arte fa bene al business» anche per l’azienda sono concreti. I workshop interni al personale dell’Azienda e la relazione tra Luxurytina e gli artisti dell’Accademia hanno reso l’ambiente di lavoro più collaborativo e più rispettoso dei bisogni e dei talenti degli altri. Anche dal punto di vista produttivo c’è stato un miglioramento: la coesione maturata nella squadra ha consentito di raggiungere obiettivi commerciali rilevanti evidenti nella fidelizzazione dei clienti storici ma anche nell’acquisizione di nuovi clienti legati al territorio tra cui ad esempio con Missoni con i quali si è cominciato un grande nuovo progetto» è dichiarato nella presentazione dell’iniziativa.

Accademia Carrara di Bergamo e PwC Italia, sinergia per la valorizzazione del patrimonio culturale
PwC Italia, importante azienda di servizi di consulenza e revisione, è entrata nella governance dell’Accademia Carrara di Bergamo, tra le più importanti collezioni italiane dal Quattrocento all'Ottocento, in qualità di socio co-fondatore, a rafforzare la sinergia pubblico-privata caratterizzante il museo, che sarà oggetto di un riallestimento, anche in vista dell’iniziativa che vedrà Bergamo e Brescia capitale italiane della cultura per il 2023. Una collaborazione, quella con PwC Italia, presente con uffici in 24 città italiane e circa 7.000 persone, che prende avvio con la riqualificazione dei 3000mq di patrimonio verde circostanti la sede dell’Accademia, attualmente inaccessibili ma visitabili a partire dal prossimo anno. «PwC Italia vuole connotarsi come un'organizzazione che ha fra gli obiettivi primari la restituzione di valore alle comunità in cui opera. Questo percorso avviato con Accademia Carrara e i valori espressi dall'intera iniziativa si sviluppano secondo le linee tracciate dalla strategia di PwC. In tale ottica persone, tecnologia e sostenibilità confermano la propria centralità nell'ispirare le azioni della nostra Firm» ha commentato Giovanni Andrea Toselli, Presidente e Amministratore Delegato di PwC Italia.

Prada, la prima edizione del Dorchester Industries Experimental Design Lab
Presentati nei giorni scorsi a Chicago i vincitori del Dorchester Industries Experimental Design Lab, programma triennale volto a sostenere e valorizzare designer di colore attivi in diversi settori creativi, promosso dal Gruppo Prada in collaborazione con Theaster Gates Studio, Dorchester Industries, Rebuild Foundation. I quattordici artisti vincitori sono stati selezionati da una giuria internazionale, di cui hanno fatto parte personalità di spicco come Miuccia Prada, la scrittrice e regista Ava DuVernay, lo stilista Virgil Abloh, deceduto nel novembre 2021, l’architetto Sir David Adjaye. «Da sempre Prada è sinonimo di creatività e promuove l’innovazione, sostenendo talenti in ogni ambito. Questa iniziativa consente ai creativi, maestri nei rispettivi settori, di esprimere appieno il loro potenziale, e fornisce loro una piattaforma efficace per presentare il loro lavoro», ha dichiarato Lorenzo Bertelli, Direttore Marketing & Head of Corporate Social Responsibility del Gruppo Prada. «Sono molto orgoglioso di questo primo gruppo di premiati ed è per me un grandissimo onore poter celebrare, sostenere e far conoscere il loro lavoro, che ci aiuta ad ampliare i nostri orizzonti e arricchire le interazioni con il design e la creatività» ha affermato Theaster Gates, artista e Chairman del Diversity and Inclusion Advisory Council del Gruppo Prada.

Pesaro, opera dello street artist Chekos per la nuova sede di Teknowool
La città di Pesaro, recentemente nominata Capitale Italiana della Cultura per l’anno 2024, si arricchisce di una nuova opera urbana, realizzata dallo street artist leccese di fama internazionale Chekos, cresciuto nell'underground dei graffiti dell'old school Milanese. L’opera è stata realizzata nella nuova sede di Teknowool, azienda leader nel campo dell’efficientamento energetico, nella zona Interquartieri, strada di grande passaggio e collegamento tra la porta d’ingresso e il centro della città, in collaborazione con il Liceo Artistico cittadino Mengaroni. L’iniziativa rientra in un più ampio progetto del Comune di Pesaro, che porterà alla realizzazione di altre opere d’arte urbana entro l’anno, successivamente valorizzate attraverso bike tour dedicati. «Una bellissima iniziativa realizzata grazie ad una delle aziende fiore all’occhiello della città, che sta concretizzando la transizione ecologica. In questo nuovo spazio si trasferisce un’attività che per anni ha avuto sede vicino al Cimitero centrale. Un intervento che ora ci consente di migliorare la viabilità, accessibilità e sosta nella zona, grazie alla realizzazione di un nuovo parcheggio» ha dichiarato il sindaco Matteo Ricci.

Sudheritage, nata la rete dei musei d'impresa calabresi
8 musei d’impresa calabresi hanno costituito una rete regionale di riferimento, volta alla valorizzazione di questa particolare tipologia di musei, rappresentativi delle produzioni locali e allo stesso tempo «luoghi di sperimentazione e connessione tra imprese, territori, comunità, scuole nonché di attrazione di nuove forme di turismo evoluto», come si legge nella presentazione dell’iniziativa. Gli otto soci fondatori dell’Associazione corrispondono a grandi aziende quali Amarelli, Callipo, Gias Spa, Lanificio Leo, Librandi, Museo del Bergamotto, Rubbettino e Terme Caronte. La Presidenza per i prossimi 3 anni è affidata al prof. Nicodemo Librandi, membro del consiglio direttivo insieme a Florindo Rubbettino e Gloria Tenuta. Sono tre i principali assi di intervento previsti: rafforzare i musei di impresa esistenti; favorire la costruzione di nuovi centri museali da parte di aziende che detengono un patrimonio culturale e storico da valorizzare; costruire azioni trasversali di promozione e diffusione della rete dei musei di impresa e di tutte le connessioni e sinergie con gli altri attrattori territoriali. «Si tratta di un’occasione unica per dare concretezza all’idea vincente secondo cui le forme e i modi del «saper fare» contribuiscono in modo imprescindibile a definire il destino di un territorio. C’è un legame stretto, infatti, tra le produzioni di ogni tipo e i territori di appartenenza», ha dichiarato il neopresidente.

Livorno, lo stabilimento Leonardo apre il Museo con l'Archivio storico Whitehead Moto Fides – WASS
Nei mesi scorsi l’Archivio Storico Whitehead Moto Fides –WASS è stato trasferito dall’Archivio di Stato cittadino allo stabilimento livornese di Leonardo, diventando un Museo dedicato che entra a far parte del Sistema Museale e Archivistico Integrato di Leonardo, coordinato da Fondazione Leonardo – Civiltà delle Macchine, istituita nel 2018 da Leonardo Spa nell’intento di valorizzare il patrimonio aziendale, promuovere la cultura d’impresa e la conoscenza in ambito tecnologico. L’Archivio conserva migliaia di documenti che testimoniano la storia dell’azienda dalla sua costituzione a Fiume, nel 1864, su iniziativa dell’ingegnere britannico Robert Whitehead, sino alla Moto Fides livornese e alla più recente WASS, con diverse tipologie di reperti quali scritture sociali, fotografie d’epoca e progetti tecnici. L’allestimento museale si articolare in tre aree tematiche: disegni tecnici lungo le pareti perimetrali a testimoniare i progressi raggiunti, immagini storiche che ripercorrono persone, tappe e innovazioni nel tempo, e infine alcuni esempi di componenti e prodotti storici, che sono stati oggetto di un restauro estetico e conservativo.

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Maria Elena Santagati
Altri articoli in IMPRESE