Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Fotografia

Flávio raccontato da Gordon Parks al Getty

Un reportage sulle baraccopoli di Rio commissionato da «Life» al celebre fotografo afroamericano

«Flávio da Silva, Rio de Janeiro, Brazil», 1961, di Gordon Parks (particolare)

Los Angeles (Stati Uniti). Perlopiù conosciuto come fotografo e primo afroamericano nello staff di «Life», Gordon Parks è stato anche regista, attore, compositore, scrittore e poeta. Nato in Kansas nel 1912 e scomparso a New York all’età di 94 anni, ha raccontato gli Stati Uniti descrivendo la povertà come «la più feroce delle sofferenze umane» e documentando le ingiustizie, i mali sociali e la lotta per i diritti civili, arrivando a toccare anche moda e ritratto.

Con «Gordon Parks: The Flávio Story», curata da Paul Roth e Amanda Maddox, il Getty Center presenta dal 9 luglio al 10 novembre il reportage che «Life» gli commissiona nel 1961 sulle baraccopoli di Rio de Janeiro, e che lui sceglie di focalizzare su Flávio da Silva, un dodicenne asmatico e denutrito della favela Catacumba, che seguirà per settimane. Il servizio scuote i lettori, le loro donazioni permettono a Flávio di curarsi negli Stati Uniti, mentre Parks torna a fotografarlo in luglio e poi ancora negli anni ’70 e ’90.

In mostra oltre 100 immagini: insieme a quelle di Parks, anche istantanee del periodo delle cure a Denver e la controstoria di Henri Ballot per il settimanale «O Cruzeiro» sulla miseria nel Lower East Side di Manhattan (tutto anche nel libro edito da Steidl); e per finire gli originali della rivista, ricordi e corrispondenza.

In contemporanea al Getty Center, «Once. Again. Photographs in Series» è un excursus, a cura di Mazie Harris, su artisti storici e contemporanei che tornano a fotografare persone e luoghi per riflettere sullo scorrere del tempo.

Tra le opere, perlopiù provenienti dalla collezione del museo, anche i ritratti che Harry Callahan e Paul Strand dedicano alle mogli e quelli di Julia Margaret Cameron alla nipote; la violenza domestica sulle donne ripresa da Donna Ferrato; le vetrine di Harlem che si trasformano nell’obiettivo di Camilo José Vergara; i colori che avvolgono il Golden Gate registrati da Richard Misrach, cosi come i cambiamenti della natura secondo Roni Horn e Jem Southam.

Chiara Coronelli, da Il Giornale dell'Arte numero 399, luglio 2019


Ricerca


GDA novembre 2019

Vernissage novembre 2019

Il Giornale delle Mostre online novembre 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere a Torino 2019

Vedere in Canton Ticino 2019

Vedere in Emilia Romagna 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012