Federica Galloni: «Siamo un piccolo Ministero nel Ministero»

Parla la direttrice generale di Archeologia, Belle Arti e Paesaggio. Ha pieni poteri e la sua azione è appena iniziata

Edek Osser |  | Roma

Definisce i suoi uffici «un piccolo Ministero nel Ministero»: sono le 180 persone che lavorano al Mibact in tre settori strategici: Archeologia, Belle Arti e Paesaggio. Da agosto 2019 fanno capo al direttore generale Federica Galloni, nominata dal ministro Dario Franceschini al posto di Gino Famiglietti, pensionato. In realtà la Galloni ha i pieni poteri di firma soltanto dal 15 ottobre: la sua azione è appena iniziata. Tiene a dire che la sua è una conduzione «priva di inutili formalismi», volta a snellire e uniformare le procedure al centro e in periferia.

Va ricordato che Federica Galloni è al Ministero dal 1985 e ha quindi maturato una lunga esperienza come funzionario, a Caserta e poi a Roma. Nel 2006 è la prima donna nominata soprintendente ai Beni architettonici e paesaggistici proprio a Roma. Nel 2014 viene promossa al grado più alto del Ministero: direttore generale, responsabile di «Arte
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Edek Osser
Altri articoli in PERSONE