Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Libri

Falsari sotto la lente d'ingrandimento

Il critico e giornalista Harry Bellet ripercorre in un volume le vite e le truffe dei più grandi falsificatori d'arte

Uno dei più celebri falsari contemporanei, Wolfgang Beltracchi, a Venezia

Harry Bellet ripercorre le vite e le truffe dei più grandi falsari, tanto geniali da rendere le loro rocambolesche vicissitudini sconcertanti e al contempo di grande fascino. Le pagine scorrono veloci suscitando nel lettore una certa simpatia per queste figure e per le loro iniziative. Non certo per le vittime.

Prestigiosi musei, storiche gallerie, facoltosi collezionisti e soprattutto generazioni di esperti e storici dell’arte sono stati messi in ridicolo, cadendo nei loro tranelli; lo stesso Bellet ci è cascato con una falsa scultura di Gauguin. Un mestiere, quello del falsario, tra i più antichi del mondo: ve ne sono esempi noti già in Grecia a danno dei collezionisti romani, poi nel Medioevo con le false reliquie e nel Rinascimento per continuare con assiduità fino ad oggi.

Bellet incentra i suoi racconti nel XX secolo. Il primo caso è quello della tiara di Saitaferne, realizzata a Odessa da un artigiano e poi rivenduta da un mercante al Louvre. Più noto è il caso di Van Meegeren, così bravo da ingannare Hermann Göring vendendogli un finto Vermeer. Il suo segreto? Cuocere le tele a 105 gradi per due ore. Tra i truffatori è ricordato Eric Hebborn che produsse più di mille disegni ispirati al Rinascimento, utilizzando una tecnica (quasi) perfetta.

Più di 200 dipinti falsi sono quelli venduti da John Myatt e John Drewe: il primo produceva i falsi, mentre il complice manometteva fondi archivistici, inquinandoli con documenti utili a rilasciare certificati di autenticità. Altrettanto quello di Wolfgang Beltracchi, che fece tesoro di tutti gli insegnamenti di chi lo precedette. Talmente ammirato da divenire eroe: oggi c’è la lista di attesa per avere una sua opera, autenticamente falsa.

Se, tuttavia, si pensa che l'unica motivazione di questi autori sia il denaro, si sbaglia. I falsari spesso si considerano artisti mancati, dunque spinti dall’ambizione di beffare il sistema, il mercato e i tronfi critici d’arte. I quali, smaniosi di riscoprire un dipinto disperso, ma citato in qualche catalogo ragionato, fanno da facile esca ai criminali. I pittori dipingono la natura, mentre i falsari dipingono opere d’arte, quelle che tutti cercano e che sognano di vedere.

Gli effetti di queste truffe sono spesso drammatici: pagine di storia dell’arte fondate su false informazioni, carriere rovinate da imbarazzanti expertise, gallerie indebitate destinate a chiudere i battenti. Fortunatamente, anche qualche anno di carcere per i furbastri tipo Arsenio Lupin. L’autore conclude il volume con un affabile manuale dedicato all’apprendista falsario: un elenco dei principi fondamentali da seguire, tra cui la scelta del pittore da copiare e l’importanza di non attribuirgli l’opera, lasciando dunque l’onere e l’onore ai critici, da anni alla ricerca proprio di quel dipinto presunto perduto.

Emergono due verità: il perfetto falsario, genio ed eroe, come sovente è presentato nelle memorie, non esiste; tuttavia le sue opere, quelle ben realizzate, si trovano ovunque, ancora appese a delle pareti.

Falsari illustri, di Harry Bellet, traduzione di Eileen Romano, 128 pp., Skira, Milano 2019, € 19,00

Carlotta Venegoni, da Il Giornale dell'Arte numero 398, giugno 2019


Ricerca


GDA settembre 2019

Vernissage settembre 2019

Il Giornale delle Mostre online settembre 2019

Ministero settembre 2019

Guida alla Biennale di Firenze settembre 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere a Firenze 2019

Vedere in Calabria 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Vedere in Trentino luglio 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012