Entro giugno rivedremo Perugino (e la Galleria Nazionale)

Un particolare dell’«Adorazione dei pastori» di Pietro Vannucci, il Perugino
Stefano Miliani |  | Perugia

La Galleria Nazionale dell’Umbria, attualmente in riallestimento, ha restaurato nella Sala dell’Orologio l’affresco staccato dell’«Adorazione dei pastori» di Pietro Vannucci, il Perugino. Eseguito dalla Cbc Conservazione Beni Culturali, l’intervento sulla lunetta è stato promosso da Fondaco Italia e sostenuto dalla Banca Generali Private.

«L’affresco era stato restaurato a fine anni Ottanta, quando fu privilegiata la conservazione, per cui il ritocco era stato minimo, spiega la restauratrice della Cbc Elena Mercanti. Il lavoro concluso è stato in prevalenza estetico: è consistito nella revisione del ritocco, nella ripresa delle campiture cromatiche, nella ricucitura a puntino del colore, nella stuccatura di alcune superfici ricostruibili su cui siamo intervenuti con il tratteggio o con l’abbassamento di tono, cercando sempre di mantenere un equilibrio tra le varie parti».

Quando il museo riaprirà, in tarda primavera (probabilmente a giugno), i visitatori potranno ammirare l’affresco insieme a due disegni preparatori. Dipinta dal Perugino intorno al 1502, l’«Adorazione» proviene da una cappella esterna alla Chiesa di San Francesco al Monte, da cui fu strappata con danni nel 1856.

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Stefano Miliani