Dora Maar e l’ultimo scherzo di Picasso

La copertina del volume
Alessandra Ruffino |

È con abilità di orchestrazione da sapiente musicologo che Enzo Restagno ha ricostruito e narrato per il Saggiatore l’ingarbugliata vicenda del monumento che nel 1959, a 40 anni dalla morte del poeta, avrebbe dovuto render omaggio a Guillaume Apollinaire (1880-1918), protagonista della Bohème parigina d’inizio secolo.
Per non guastare ai futuri lettori il gusto di scoprire i tanti risvolti del complicato caso de La testa scambiata (che, per la cronaca, era un bronzo di Picasso installato nei pressi di Saint-Germain-des-Prés che fu pure trafugato nel 1999) non entrerò nel dettaglio, limitandomi ad alcune osservazioni. Oltre a ricomporre come in un giallo la vicenda allusa nel titolo, il libro dà modo di riandare alla leggendaria Parigi di primo Novecento e di rileggere alcuni dati della biografia di Picasso e di Dora Maar (1907-97), fotografa, pittrice e attivista politica che oggi definiremmo
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata Dora Maar,  Marionnette accrochée à une palissade, 1934. Collezione Jill Quasha, New York
Altri articoli di Alessandra Ruffino