Dopo Venezia | Proporre una Protezione civile europea

Giuliano Volpe: «Sarebbe un grande segnale e un'opportunità per creare occasioni di lavoro qualificato»

Intervento all'interno della Basilica di San Marco nei giorni dell'acqua alta
Giuliano Volpe |

Due punti sono irrinunciabili nell’affrontare le emergenze: 1. la prevenzione; 2. una più efficace gestione di ciascuna. Dovremmo tornare alla lezione dell’indimenticabile e inascoltato Giovanni Urbani, che già quarant’anni fa combatteva la logica del restauro e affermava la necessità di una manutenzione ordinaria e programmata.

Oggi quella lezione andrebbe ripresa e arricchita con l’apporto delle nuove tecnologie sviluppate in questi decenni. Il restauro interviene, infatti, a danno avvenuto, paragonabile a un intervento chirurgico, mentre al nostro patrimonio, come al nostro organismo, servirebbe più prevenzione, più cura ordinaria, più controllo e monitoraggio per evitare il più possibile l’extrema ratio del restauro. Servono anche competenze specifiche in questo settore, serve una formazione adeguata di figure professionali. È una sfida per l’Università e per il Mibact ma anche per le
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Giuliano Volpe
Altri articoli in OPINIONI