Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

Difficili convivenze ai confini dell’umanità

Paolo Pellegrin per il festival di antropologia del contemporaneo

«Persone che fuggono dalla Libia durante gli scontri tra i ribelli e le forze pro Gheddafi. Valico di frontiera di Ras Jdir, nei pressi di Ben Gardane. Tunisia», 2011, di Paolo Pellegrin. © Paolo Pellegrin-Magnum Photos

Pistoia. Il decennale di Dialoghi sull’uomo, festival di antropologia del contemporaneo che dal 2010 offre un importante punto di incontro e approfondimento su tematiche relative allo sviluppo delle società umane, si arricchisce della mostra «Paolo Pellegrin. Confini di umanità». La manifestazione che anima il centro storico cittadino dal 24 al 26 maggio ha come tema «Il mestiere di con-vivere: intrecciare vite, storie e destini».

Per il festival invitare importanti autori della fotografia mondiale a offrire il proprio punto di vista è una tradizione consolidata, ma il fatto che per quest’edizione la scelta sia ricaduta su Pellegrin è particolarmente significativo. Membro di Magnum Photos e vincitore di numerosi riconoscimenti, tra cui dieci World Press Photo Award, l’Eugene Smith Grant in Humanistic Photography e il Robert Capa Gold Medal Award, reduce dalla grande antologica al MaXXI, Paolo Pellegrin nel corso della sua carriera ha raccontato atteggiamenti più vicini a sfruttamento, odio e chiusura che alla convivenza.

Viaggiando per il mondo e lavorando in Paesi scossi da conflitti o instabilità, ha  documentato gli stravolgimenti del nostro tempo, conseguenza dell’abissale difficoltà dell’uomo d’instaurare meccanismi di interazione. Lo dimostra, per esempio, il clima di crescente razzismo negli Stati Uniti, raccontato da Pellegrin in un video che analizza le divisioni razziali che attraversano il Paese.

«Le foto di Paolo Pellegrin c’interrogano, non danno risposte, ma obbligano alla responsabilità di vedere, sottolinea Giulia Cogoli, direttrice del festival, come un antropologo sul campo, documenta ciò che l’umanità sta facendo a sé stessa, le emozioni che eventi drammatici producono, ponendo l’essere umano al centro della sua arte». «Paolo Pellegrin. Confini di umanità», curata da Annalisa D’Angelo, è visibile dal 24 maggio al 30 giugno nelle Sale Affrescate del Palazzo Comunale.

Walter Guadagnini, da Il Giornale dell'Arte numero 397, maggio 2019


Ricerca


GDA ottobre 2019

Vernissage ottobre 2019

Il Giornale delle Mostre online ottobre 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Canton Ticino 2019

Vedere in Emilia Romagna 2019

Vedere a Firenze 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012