Daumier è così attuale

Ada Masoero |  | Bellinzona

Pittore, litografo, incisore, disegnatore e scultore, Honoré Daumier (1808-79) è noto per la sua attività di caricaturista e disegnatore satirico, collaboratore delle prime testate satiriche della storia, come «La Caricature» e «Le Charivari», per le quali creò oltre 4mila litografie di feroce critica antiborghese e antimonarchica (una sua caricatura di Luigi Filippo d’Orléans come Gargantua gli costò sei mesi di carcere e una multa salatissima).

Amato da artisti come Camille Corot (che lo sostenne nella sua misera vecchiaia) e Vincent van Gogh, che lo considerava un maestro, Daumier è, con Courbet e Millet, un esponente di primo piano (anche in pittura) del movimento del realismo, attento agli sconvolgimenti sociali creati dall’industrializzazione e dall’urbanesimo, alle crudeli disparità che ne derivarono e alle vessazioni (celebre il ciclo sui giudici) cui i più miseri erano
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Ada Masoero

Le donne delle Fondazioni: perché siamo differenti, che cosa vogliamo dare (e ricevere). 5

Dieci istituzioni dedicate all’arte contemporanea ci raccontano finalità, modalità e criticità. Tutte vorrebbero più collaborazione tra privato e pubblico e agevolazioni dallo Stato, quali ArtBonus e imposizione fiscale più comprensiva dei loro nobili scopi. L’incognita: quale futuro dopo le fondatrici? Altre due istituzioni: la Fondazione Sanguedolce (risponde Carmela Sanguedolce) e la Fondazione Trussardi (risponde Beatrice Trussardi)

Le donne delle Fondazioni: perché siamo differenti, che cosa vogliamo dare (e ricevere). 4

Dieci istituzioni dedicate all’arte contemporanea ci raccontano finalità, modalità e criticità. Tutte vorrebbero più collaborazione tra privato e pubblico e agevolazioni dallo Stato, quali ArtBonus e imposizione fiscale più comprensiva dei loro nobili scopi. L’incognita: quale futuro dopo le fondatrici? Altre due istituzioni: la Fondazione Luigi Rovati (risponde Giovanna Forlanelli) e la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo (risponde Patrizia Sandretto Re Rebaudengo)