Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Dürer e düreriani

Con una mostra sull’incisione tedesca apre il centro Palazzo Rubini Vesin a Gradara, cui si affianca la Biblioteca Oliveriana di Pesaro

L'acquaforte «Il Cannone» (1518) di Albrecht Dürer

Raccoglie figure, allegorie, paesaggi, miti, santi, affollate scene urbane ricreate con minuzia da Albrecht Dürer e dagli incisori tedeschi del suo tempo una mostra che nel borgo medievale di Gradara inaugura uno spazio espositivo ristrutturato e votato alla grafica: Palazzo Rubini Vesin.

In nove sale «Dürer e gli incisori tedeschi del ’500» propone xilografie, bulini e acqueforti del maestro rinascimentale vissuto dal 1471 al 1528, di colleghi, allievi, emuli, collaboratori e rivali, cui si affianca «Guardando Dürer: i libri, i collages e Luca di Leida» alla Biblioteca Oliveriana di Pesaro.

Aperte fino al 16 febbraio, le due rassegne hanno come organizzatori i rispettivi Comuni, la società Gradara Innova e l’Ente Olivieri-Biblioteca e Musei Oliveriani di Pesaro. Spiega il curatore Luca Baroni, storico dell’arte e dottorando alla Scuola Normale di Pisa: «Esponiamo opere da collezioni private del territorio e nazionali, non da raccolte pubbliche, che quindi non sarebbero visibili. Vogliamo raccontare l’intero contesto per offrire un approccio al mondo dell’incisione tedesca. Abbiamo oltre sessanta artisti: Martin Schongauer (1450 ca-1491), Lucas Cranach il Vecchio (1472-1553), autori praticamente sconosciuti, monogrammisti, copisti tra l’altro di Dürer del quale cerchiamo di fornire un’antologia completa con un centinaio di lavori in più casi eccezionali».

I circa quattrocento pezzi totali spingono i promotori a definirla «la più grande mostra sull’argomento mai presentata in Italia». È davvero così? «A quanto mi risulta a livello bibliografico lo è ma sono pronto a correggermi. L’aspetto più sorprendente è stata la risposta entusiasta dei collezionisti i quali ci hanno anche donato i diritti di riproduzione per una monografia pubblicata da Officina Libraria».

Quanto a Palazzo Rubini Vesin, il 26enne Baroni ne è curatore espositivo «a titolo gratuito perché amo l’incisione. Fondato nel 1707, rimaneggiato, già deposito comunale, l’edificio ora è uno spazio culturale. Con Dürer apriamo un ciclo di nove mostre quadrimestrali fino al 2021 focalizzate sulla grafica intesa come incisione e fotografia anche perché sull’argomento il Montefeltro ha una vocazione storica».

Stefano Miliani, da Il Giornale dell'Arte numero 403, dicembre 2019


Ricerca


GDA gennaio 2020

Vernissage gennaio 2020

Il Giornale delle Mostre online gennaio 2020

RA Case d

Vedere a ...
Vedere a Bologna 2020

Vedere a Napoli 2019

Vedere in Sardegna 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012