Così Collemaggio ha recuperato luce, colori e il suo Barocco

Stefano Miliani |

L’Aquila. Il monumento simbolo della città ferita profondamente dal terremoto del 6 aprile 2009, la Basilica di Collemaggio, ha riaperto dopo due anni di restauri di complessità davvero straordinaria e nel rispetto dei tempi prefissati. Anche se il recupero del patrimonio di interesse culturale procede a un passo più serrato rispetto all’edilizia civile, con grandi aree del centro già restituite a nuova immagine dai restauri conclusi, molte zone del centro storico sono ancora occupate dai cantieri e precluse all’accesso. Dunque, per gli aquilani questa restituzione costituisce un nuovo poderoso segnale di incoraggiamento e di rinascita.

Il restauro dell’edificio dalla  facciata in pietra bianca e rosata, fondata alla fine del XIII secolo, ha avuto il finanziamento di 12 milioni dall’Eni. Ha redatto il progetto, con il supporto del Politecnico di Milano, dell’Università La Sapienza di Roma e
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Stefano Miliani
Altri articoli in IMPRESE