Contemporanei: mercato inflessibile

Anny Shaw |  | Londra

I pittori europei del dopoguerra hanno dominato le sale d’asta di Sotheby’s e di Christie’s nella settimana londinese dell’arte contemporanea, alimentando un mercato che non mostra segni di cedimento a dispetto della mediocrità delle notizie sull’economia globale

Sotheby’s ha dichiarato di aver ricevuto offerte da 42 Paesi e una partecipazione doppia dall’America Latina; Christie’s dice di avere avuto compratori da 40 Paesi, con il 25% dei lotti venduti ad asiatici, rispetto a circa il 20% agli americani. Le offerte di compratori africani si sono fatte notare anche da Christie’s.

Per la prima volta da giugno 2013 il totale di Sotheby’s (167,5 milioni di euro) supera quello di Christie’s (158,9 milioni), ma quest’ultima ha venduto più lotti in percentuale: il 92% contro l’86% di Sotheby’s. I risultati rappresentano il più alto fatturato di arte contemporanea di Sotheby’s in Europa, con un 40% di incremento
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Anny Shaw