Collezionisti per invidia

Achille Bonito Oliva |

Il collezionista ha invidia dell’artista, della fantasia-pene di questi e cerca di evirarlo mediante l’accattivante proposta del collezionismo. Il collezionismo diventa il luogo narcotico in cui egli sposa, nel ruolo femminile, l’immaginazione maschile di chi è riuscito a procreare, adottandone alla fine l’opera-prole.
Si instaura allora un rapporto fondato sul desiderio inconscio da parte del collezionista di seguire una sorta di rito cannibalesco, quello di mangiare attraverso l’opera colui che si è mostrato più potente e sottile.

Da qui il collezionismo che accetta ogni sfida di collezionare tutto, anche se stesso, di catalogare l’impalpabile, l’odore, il rumore e il fumo del sigaro di Duchamp. Nasconde allora il desiderio di non essere copia, l’impulso di non accettare l’azione per interposta persona e a provare nostalgia per un ruolo interdetto.
Così il collezionista adopera l’arte con la macchina di
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Achille Bonito Oliva