Chiude l'accesso all’archivio storico di Christie's

La collezione di cataloghi d'asta partiva dalla prima vendita del 1766

Anna Brady |  | Londra

La decisione di Christie’s di interrompere l'accesso pubblico al suo vasto archivio a causa dei tagli al personale irrita non poco dealer e studiosi che facevano affidamento su questa risorsa inestimabile. L'archivio, conservato presso la sede di Christie's in King Street a Londra, è il più grande e completo archivio d'aste al mondo con cataloghi risalenti al 1766.

«A titolo di cortesia, Christie's ha precedentemente fornito informazioni gratuite a scopo di ricerca», afferma un portavoce di Christie’s in una dichiarazione. «Tuttavia, con rammarico, il team degli archivi ha dovuto essere ridotto e ora può soddisfare solo le esigenze dei nostri team di specialisti interni». Anthony Crichton-Stuart, il direttore della galleria di Agnew, è stato un assiduo utilizzatore dell'archivio per scopi di ricerca. «Sembra piuttosto meschino; non esiste un archivio equivalente al mondo.

Questo risale addirittura alla prima vendita: ogni catalogo è annotato a mano. Sotheby's, per esempio, non l'ha mai fatto», dice con rammarico. Anche l'archivista e responsabile dei servizi bibliotecari del Sir John Soane's Museum di Londra, Susan Palmer, è sgomenta per la chiusura: «è un grande colpo per gli studiosi e oltretutto mi sembra una scelta piuttosto drastica».

Sebbene ci siano serie parziali di cataloghi altrove, ad esempio presso la British Library e la biblioteca del Soane Museum, Palmer afferma che «ciò che è importante per studiosi e ricercatori non è solo la completezza del set, ma anche che vengano inclusi tutti i record per ogni asta e il prezzo pagato, che è, ovviamente, un'informazione preziosa quando si ricostruisce la storia e la provenienza di un oggetto».

Nel corso dei 32 anni in cui Palmer ha lavorato al Sir John Soane's Museum, afferma di averlo considerato «l'archivio più utile esistente, oltre all'archivio del museo stesso». Palmer e i suoi colleghi lo hanno utilizzato, ad esempio, per «stabilire informazioni chiave su alcuni dei nostri modelli di architetture in sughero, sui libri della biblioteca di Soane, su 15 importanti disegni originali di Piranesi e, più recentemente, su alcuni dei vasi greci della collezione».

In una lettera stampata su Antiques Trade Gazette il mese scorso, il rivenditore Mike Sanderson scrive: «per quelli di noi che sono stati coinvolti nel mondo dell'arte, per la maggior parte delle nostre carriere, si tratta di un cambiamento radicale rispetto al vecchio ordine. Nel corso degli anni ho avuto molti scambi con gli amabili ed efficienti custodi dell'archivio di Christie's, che in alcuni casi si sono tradotti in risultati reciprocamente vantaggiosi».

Dirk Boll, presidente di Christie's in Europa, Medio Oriente, Russia e India, dice a The Art Newspaper: «purtroppo l'intero edificio di King Street è stato chiuso al pubblico a causa del coronavirus e il suo utilizzo è molto limitato.

In precedenza, fornivamo informazioni di archivio gratuite per la ricerca, ma a partire dal novembre dello scorso anno abbiamo dovuto confermare che non eravamo più in grado di soddisfare queste richieste o di rispondere a richieste di soggetti terzi, almeno per il momento. Sono state trasferite moltissime informazioni online e un'alta percentuale di richieste funziona in questo modo, anche per gli interni».

Ma Boll aggiunge: «siate certi che restiamo impegnati a conservare i nostri registri in modo appropriato, ed esploreremo modi in cui potremo, in futuro, sviluppare e garantire un’accessibilità agli stessi».

In un'intervista pubblicata sul sito web di Christie's nel 2019, Lynda McLeod, la bibliotecaria capo di Christie's, ha parlato del suo lavoro con l'archivio: «di tanto in tanto, clienti o mercanti d'arte chiedono il nostro aiuto. Due giorni alla settimana, su appuntamento, apriamo gli archivi a ricercatori o curatori che desiderano saperne di più sulle proprie collezioni. È un po’ come andare alla British Library. Se sappiamo esattamente cosa stanno cercando, individuiamo e prepariamo i materiali da leggere in loco. Potrebbero aver visto un numero sul retro di un dipinto, per esempio, e non sapere cosa sia. Possiamo aiutarti a chiarirlo».

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Anna Brady
Altri articoli in ASTE