Campigotto notturno

Alla Bugno Art Gallery 25 grandi formati del fotografo veneziano

Luca Campigotto, NYC vista dall'Empire State Building
Chiara Coronelli |

Venezia. Nelle sue fotografie bisogna entrare: che si tratti dei suoi immensi paesaggi, delle vedute urbane, dell’universo industriale, del patrimonio monumentale dell’antichità, ogni volta che Luca Campigotto realizza un’immagine lo fa predisponendo uno spazio capace di accerchiare lo spettatore, di immergerlo nello stesso mondo che lui ha percorso, e nella stessa suggestione che ha guidato il suo sguardo. Uno sguardo che cerca l’indicibile, la monumentalità, la solitudine, la vastità degli orizzonti, mentre macina luoghi con lo spirito del viaggiatore, lui che è nato a Venezia e cresciuto nel mito di Corto Maltese, per laurearsi in storia e intanto innamorarsi della poesia di Montale, del cinema americano, della fotografia ottocentesca e di quella dei grandi paesaggisti statunitensi.
«The Empire of the Night» è la personale che la Bugno Art Gallery di Venezia dedica all’artista fino al 30
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata Luca Campigotto, Arsenale di Venezia, 2000 Luca Campigotto, Basilica Cisterna, Istanbul Luca Campigotto, Roma, 2014 Luca Campigotto, Egitto, 2016 Luca Campigotto, Il Cairo Luca Campigotto, Roma, 2014
Altri articoli di Chiara Coronelli