Berlinische: nuova ma radicale

Alessandro Martini |  | Berlino

È uno dei più giovani musei della città e compie 40 anni. È completamente dedicato alle arti prodotte a Berlino dal 1870 a oggi, fra trionfi prussiani, imperiali e repubblicani, movimento Dada locale, Nuova Oggettività e avanguardie dell’Est Europa, artisti internazionali richiamati dal nuovo ruolo di capitale «giovane». La Berlinische Galerie (Museo di arte moderna, fotografia e architettura del Land) è nata nel 1975 come associazione privata a Berlino Ovest prima di aprirsi, dopo la caduta del Muro e la trasformazione in fondazione di diritto privato nel 1994, all’arte realizzata nella Berlino non più divisa. Dal 2004 ha sede nel quartiere di Kreuzberg, non lontano dal Museo ebraico di Daniel Libeskind, all’interno di un ex magazzino del vetro, costruito nel 1964 e riconvertito.

Berlinische Galerie

Dopo più di un milione di visitatori complessivi, 120 mostre realizzate e 19 milioni di euro investiti nei vari interventi
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Alessandro Martini