Barcellona Anno Zero

Roberta Bosco |  | Barcellona

«Un direttore di museo non è un dittatore, concentrare molto potere in un’unica persona non è mai positivo. Deve basare la sua gestione in un discorso solido e coerente, ma non deve avere la pretesa di spiegare tutto. Il museo è uno spazio di continue trattative, dove rendere visibili i conflitti sia esterni che interni».

Lo afferma Ferran Barenblit (Buenos Aires, 1968), che ha sostituito Bartomeu Marí (dimissionario a causa dello scandalo per l’opera dell’ex re Juan Carlos sodomizzato; cfr. n. 356, set. ’15, p. 17) alla direzione del Macba (Museu d’Art Contemporani de Barcelona), dopo sette anni come direttore del Centro de Arte 2 de Mayo (Ca2m) di Móstoles, alla periferia di Madrid.

Barenblit, che è riuscito a collocare nel circuito artistico un centro nuovo e fuori mano come il Ca2m, ora affronta la sfida di ritrovare l’identità perduta del Macba. «Il Macba deve rileggere e rielaborare la sua storia
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Roberta Bosco