Avanguardia parricida

Silvano Manganaro |  | Roma

Una mostra di Tomaso de Luca alla Galleria Monitor è aperta sino al 16 luglio

L’autore, nato a Verona nel 1988, parte da un’intervista fatta a David Foster Wallace nella quale lo scrittore paragonava il modernismo a una festa di liceali organizzata in assenza dei genitori alla quale, finita la baldoria, è seguito uno spaesamento e un disagio per un parricidio al quale non sappiamo dare risposta.

«Ein reiner Morgen in Amerika» («Un limpido mattino in America») è composta da sculture (ognuna con un nome di persona) disseminate nelle due stanze della galleria e da una serie di disegni ispirati ai testi di «Modernissimo - the party is over, so why do I still want to dance?», un progetto editoriale a cura dell’artista stesso.

La fanzine raccoglie i testi di 10 artisti e curatori ognuno chiamato a rispondere a una diversa domanda sul tema della festa.

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Silvano Manganaro