Aste orientali in Italia | Capitolium

Nel catalogo del 6 ottobre spiccano un bronzo nepalese e una statua tibetana

Elena Correggia |  | BRESCIA

Il mese di ottobre in Italia guarda a Oriente con un significativo numero di vendite dedicate all’arte asiatica e alle sue molteplici declinazioni.

Il 6 ottobre a Brescia Capitolium Art propone un ricco catalogo che include sculture buddhiste del Sud-est asiatico, pregiati vasi cinesi e oggetti dal valore simbolico e decorativo provenienti da due collezioni private italiane.

Si fanno notare, in particolare, un bronzo nepalese del XVI-XVII secolo di grandi dimensioni raffigurante il bodhisattva Manjushri, nelle rare vesti di Maestro primordiale, dal volto delicato e dalla figura proporzionata e abbellita da gioielli (stima 30-50mila euro).

Monili, decorazioni in argento e un inusuale busto slanciato e sottile caratterizzano la statua tibetana di Vajrasattva, il Buddha primigenio, databile al XII-XIII secolo (15-25mila).

Interessante anche il grande paravento cinese «Coromandel» a otto pannelli con decorazione intagliata e laccata di fine XVII secolo (5-7mila). Il termine Coromandel si riferisce alla regione dell’India sud-orientale nota per gli intensi traffici commerciali con i mercanti europei nel Cinque e Seicento.

I paraventi di questa tipologia decorati in lacca erano molto richiesti dal mercato europeo perché più economici rispetto ai lussuosi paraventi di manifattura imperiale, intarsiati in guscio di tartaruga e madreperla.

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Elena Correggia
Altri articoli in ASTE