Assessori d'Italia: Cecilia Del Re

FIRENZE | Assessora Turismo, Urbanistica, Ambiente, piano gestione Unesco

Elena Franzoia |  | Firenze

Come Assessorato, che cosa che cosa avete fatto in questi mesi di pandemia?
«Il turismo rappresenta il 14% dell’occupazione complessiva della nostra città, che aumenta se consideriamo anche l’indotto. In questi mesi di pandemia abbiamo chiesto aiuti al Governo per l’intero settore, ai tavoli Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani) ma anche come assessori al Turismo delle principali città d’arte durante incontri cui ha preso parte la sottosegretaria ministeriale al Turismo Lorenza Bonaccorsi. A livello locale abbiamo promosso un bando destinato a contributi per aiutare la ripartenza del settore e abbiamo dato vita, in estate, a diverse iniziative per attuare un turismo di prossimità e promuovere itinerari outdoor da vivere in sicurezza».

Che cosa avreste desiderato fare ma non avete potuto?
«In luglio abbiamo promosso e ospitato a Palazzo Vecchio un momento di confronto con la sottosegretaria Bonaccorsi per rivolgerle due richieste, condivise dagli stakeholder presenti a Palazzo Vecchio: una legge speciale per le città d’arte e una normativa sugli affitti turistici brevi. A distanza di mesi purtroppo nessuna delle due leggi è ancora in discussione, e invece sono leve importanti per il governo del turismo nelle città d’arte post pandemia. Continueremo dunque a far sentire la nostra voce su entrambi questi fronti».

Quanti fondi avete avuto a disposizione nel 2020? E quanti, tra ordinari e straordinari, avete messo a bilancio per il 2021?
«Il bilancio preventivo 2021 dobbiamo ancora approvarlo: Firenze è stata gravemente messa in crisi dalla pandemia. Ogni anno il Comune introitava 50milioni di euro dall’imposta di soggiorno, entrata venuta meno dall’oggi al domani. Grazie ai trasferimenti arrivati dal Governo, siamo riusciti comunque a erogare i servizi essenziali nell’anno appena concluso, e ci auguriamo lo stesso appoggio anche nel prossimo esercizio finanziario».

Che cosa vorreste fare nell’immediato futuro? Con quali finanziamenti ed eventuali collaborazioni con altri soggetti?
«Stiamo lavorando per un turismo più sostenibile. L’alto numero di presenze nell’area del centro storico rendeva infatti difficile la convivenza di residenti e turisti. Stiamo lavorando con la Regione e gli altri Comuni dell’area metropolitana per ampliare i confini dell’offerta, investendo anche nelle nuove tecnologie per un miglior governo dei flussi. Per questo abbiamo dato vita al portale e App www.feelflorence.it, avviando collaborazioni con tour operator e guide turistiche. Avremo bisogno del Governo sul fronte dei sostegni economici e, come detto, anche di normative che consentano ai Comuni maggiori poteri per disciplinare fenomeni che per primi e da soli si trovano a fronteggiare. Alla Regione chiediamo un aiuto sulle infrastrutture di collegamento e ai privati di collaborare con noi per ripartire con una visione più ampia e sostenibile».

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Elena Franzoia
Altri articoli in PERSONE