Artisti dove siete?

Franco Fanelli |

Più di loro, nelle tradizionali «pagelle» di «Il Giornale dell’Arte» sembrano contare gli architetti, e più dei giovani piacciono i grandi vecchi, da Joan Jonas a Kounellis. Bocciata la Biennale di Enwezor: nell’anno degli orrori e delle distruzioni dell’Isis, all’arte politica si preferiscono la contemplazione del passato o l’evasione offerta dalle fiere commerciali. L’Expo? In pochi se la ricordano, se non per fischiare la mostra di Celant

Una «giuria» di addetti ai lavori dà i voti di condotta ai protagonisti del mondo dell’arte: più che un’inchiesta, un gioco semiserio. Così è sempre stata definita la «pagella» pubblicata da «Il Giornale dell’Arte» per indicare il meglio e il peggio dell’anno appena trascorso. Ma stavolta c’è poco da stare allegri.
Le distruzioni delle vestigia archeologiche da parte dell’Isis sono al primo posto assoluto nella categoria riservata alle peggiori notizie del 2015; e l’eroe
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Franco Fanelli