Aprirà in gennaio il Centro studi di Ca’ Foscari

In collaborazione con l'Iit, sarà dedicato alle tecnologie e i materiali per la conservazione del patrimonio artistico e architettonico

Il Ccht@Ca’Foscari è l'ultima realtà in un network che conta nella nostra penisola 11 centri presso noti Atenei
Veronica Rodenigo |  | Venezia

Si chiama Centre for Cultural Heritage Technology (Ccht@Ca’Foscari) ed è il nuovo centro che l’Istituto Italiano di Tecnologia (Iit), in collaborazione con l’Università di Ca’ Foscari, aprirà al Vega, il Parco Scientifico Tecnologico di Marghera. Dedicata allo sviluppo di nuove tecnologie e materiali nel campo della conservazione dei beni culturali, quest’ultima realtà rientra in un network che conta nella nostra penisola 11 centri presso noti Atenei (accanto a quello veneziano anche a Torino, due a Milano, Trento, Roma, due a Pisa, Napoli, Lecce, Ferrara) e due sedi dislocate all’estero (Mit e Harvard negli Usa) che, insieme ai Laboratori Centrali di Genova, sviluppano i programmi di ricerca del piano strategico 2018-2023.

Il centro veneziano inizierà la sua attività a gennaio 2019 e conterà in tutto 20 unità di personale: un laboratorio per lo studio, l’analisi, la conservazione anche
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Veronica Rodenigo