Anche Chief in aiuto dell’Ucraina

La onlus per la salvaguardia dei beni culturali in caso di guerra e calamità ha organizzato workshop, convegni, sedute psicoterapeutiche e inviato materiali per la messa in sicurezza delle opere

Un'opera del museo di Leopoli in Ucraina viene messa al sicuro. Foto Ap.
Jenny Dogliani |

Schierarsi contro la guerra non deve farci dimenticare che è ancora più importante aiutare con azioni concrete, non solo per il primo soccorso a mutilati, sfollati e feriti, ma anche per la tutela dei beni di un Paese che andrà ricostruito. Un esempio in tal senso è l’operato di Chief (Cultural Heritage International Emergency Force), associazione onlus fondata nel 2013 da Barbara Caranza per la salvaguardia dei beni culturali in caso di guerra e calamità.

Ne fanno parte restauratori, biologi, chimici, vari professionisti del settore, architetti, ingegneri e archeologi ed è tra le associazioni più importanti a livello internazionale. Il suo contributo nell’Ucraina devastata dalla guerra comprende varie iniziative a supporto del ministro della Cultura ucraino e dell’Heri (Heritage Emergency Response Initiative, coordinato da Unesco, Icom e altre istituzioni).

In aprile sono stati organizzati workshop di formazione sui danni postguerra e sulle valutazioni di rischio e sono stati inviati generatori e furgoni al sito Unesco di Lavra, complesso monastico fondato nel 1051 nelle grotte del monte Berestov, a pochi chilometri dal centro di Kiev. Su richiesta di direttori museali e conservatori che operano per il Ministero ucraino della Cultura sono stati anche inviati venti bancali con generatori, estintori, materiale per imballaggio e varie attrezzature per la messa in sicurezza e la movimentazione del patrimonio ucraino.

Recentemente è stato anche organizzato un convegno con Marco Riccomini e Aldo Ferrara per approfondire aspetti tecnici e culturali della salvaguardia di opere e manufatti in caso di guerra. Tra le ultime iniziative, l’offerta a 15 operatori culturali impegnati in Ucraina di un affiancamento psicologico per prevenire stress postraumatico e burn out (le consulenze sono offerte su zoom, con traduzione simultanea in ucraino) e un training per direttori di musei e conservatori ucraini sulla protezione del patrimonio cartaceo condotto da Pietro Livi.

Guerra Russia-Ucraina 2022

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Jenny Dogliani