All’Opificio Golinelli la novità è il G-Factor

Nella Fondazione un nuovo «incubatore-acceleratore» di 5mila mq

Gli interni del nuovo G-Factor alla Fondazione Golinelli
Stefano Luppi |  | Bologna

La Fondazione Marino Golinelli, fondata a Bologna dall’imprenditore farmaceutico modenese, celebre collezionista d’arte, dota dal 25 febbraio il suo Opificio Golinelli di un nuovo importante strumento.

Si tratta di G-Factor, un nuovo «incubatore-acceleratore» di 5mila metri quadrati e rivolto a realtà imprenditoriali emergenti: l’ha firmato il bolognese Diverserighestudio (Simone Gheduzzi, Nicola Rimondi e Gabriele Sorichetti, sta attualmente lavorando anche al restauro del Maf-Museo Archeologico Nazionale di Ferrara), lo studio internazionale che nel 2015 ha dato vita allo stesso Opificio (la cittadella alla periferia della città, su una superficie totale di 14mila metri quadrati, oltre agli spazi citati assomma anche il recentissimo Centro Arti e Scienze Golinelli).

G-Factor ha come scopo la formazione della cultura d’impresa ad alto contenuto innovativo, scientifico e tecnologico ed è composto
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Stefano Luppi