Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Al Reina Sofía Delphine Seyrig e le indisciplinate

Attrice e videoartista, è nota per aver interpretato film mitici di Buñuel, Truffaut e Resnais

Un fotogramma di «L’anno scorso a Marienbad» di Alain Resnais

Madrid. Il Museo Reina Sofia inaugura la stagione espositiva con «Muse ribelli. Delphine Seyrig e i collettivi di video femministi in Francia negli anni ’70 e ’80», una mostra dedicata alla singolare figura di Delphine Seyrig (Beirut, 1932 - Parigi, 1990) e alla sua importanza nell’ambito del movimento femminista.

Attrice, regista e videoartista la Seyrig è nota soprattutto per aver interpretato film mitici come «Il discreto fascino della borghesia» di Luis Buñuel, «Baci rubati» di François Truffaut e «L’anno scorso a Marienbad» di Alain Resnais. Curata da Nataša Petrešin-Bachelez e Giovanna Zapperi, la mostra analizza il lato meno conosciuto della carriera cinematografica della Seyrig, attraverso il suo rapporto con registe sperimentali come Chantal Akerman, Marguerite Duras, Agnès Varda e Ulrike Ottinger, con le quali collabora negli anni ’70 e ’80.

In contemporanea all’attività di attrice e videoartista la Seyrig s’impegna attivamente nel movimento femminista di quegli anni, creando con Carole Roussopoulos, Ioana Wieder e Nadja Ringart il collettivo Les insoumuses, una contrazione dei termini francesi indisciplinate e muse, usati anche per il titolo della mostra.

Interessata alle nuove potenzialità estetiche e politiche del video, la Seyrig sviluppa una riflessione critica sul corpo come strumento di lotta e resistenza e sulla costruzione della femminilità attraverso i mezzi audiovisivi, che s’intreccia con le rivendicazioni sociali per il diritto al divorzio e all’aborto, la difesa delle lavoratrici sessuali e delle prigioniere politiche.

L’impegno politico ed estetico della Seyrig non è circoscritto al contesto francese e la mostra, visitabile dal 25 settembre al 23 marzo, dedica un’importante sezione ai rapporti che mantiene con i movimenti femministi e antimperialisti internazionali.

Roberta Bosco, da Il Giornale dell'Arte numero 400, settembre 2019


Ricerca


GDA novembre 2019

Vernissage novembre 2019

Il Giornale delle Mostre online novembre 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere a Torino 2019

Vedere in Canton Ticino 2019

Vedere in Emilia Romagna 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012