Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Al Kunstpalais 100 opere di Angelika Kauffmann

Ai suoi tempi era considerata la donna più colta d’Europa

«Cleopatra decora la tomba di Marco Antonio» (1769-70 ca), di Angelika Kauffmann (particolare). © The Burghley House Collection, Stamford/ Foto/ AKRP, Inken Holubec

Düsseldorf. È di questi giorni la notizia che riguarda la prossima campagna acquisti dello statunitense Baltimore Museum of Art, con l’annuncio della presa decisione di compiere un «doveroso passo avanti contro una vergogna su scala mondiale», quella che ha relegato le artiste nei depositi dei magazzini dei grandi musei, creando contemporaneamente il mito del genio di molti loro colleghi maschi: dal 2020 in poi si acquisteranno a Baltimora solo opere d’arte realizzate da donne.

Da qualche anno a questa parte anche molti musei tedeschi hanno effettuato un’affine e vincente, in termini di gradimento da parte del pubblico, inversione di rotta, allestendo mostre con protagoniste famose artiste del passato cadute dagli anni Cinquanta in poi nel dimenticatoio: dalla Nationalgalerie di Berlino allo Städel di Francoforte, dallo Schirn Museum alla Kunsthalle St. Annen alla Berlinische Galerie.

In collaborazione con la Royal Academy of Arts di Londra, Kunstpalast Düsseldorf dedica questa sua «Angelika Kauffmann: artista, powerwoman, influencer» alla «donna più colta d’Europa» (così la definì il filosofo Johann Gottfried Herder): la pittrice svizzera di formazione italiana Maria Anna Catharina Angelika Kauffmann (1741-1807).

Artista cosmopolita, lodata da J. Winckelmann e Goethe su tutti, realizzò dipinti un tempo celeberrimi oggi custoditi agli Uffizi e in altri importanti musei italiani, conseguì il diploma all’Accademia di Belle Arti di Firenze, fu nominata «membro d’onore» all’Accademia Clementina di Bologna, invitata dalla regina di Napoli Maria Carolina a diventare pittrice di corte, amica di Anton Raphael Mengs, Giovanni Battista Casanova, Gavin Hamilton, Pompeo Batoni e Giambattista Piranesi, insomma tutti i più grandi artisti e intellettuali europei del suo tempo.

Nel suo periodo italiano, una volta raggiunto uno straordinario successo nella ritrattistica, si dedicò alla raffigurazione di soggetti storici che prediligeva sintetizzando sapientemente motivi e caratteri neoclassici con quelli del classicismo seicentesco di Reni, Carracci e Guercino.

Con la curatela di Bettina Baumgärtel, Kunstpalast dedica (dal 30 gennaio al 24 maggio) alla donna artista, imprenditrice e viaggiatrice nonché antesignana dei moderni influencer una ricca, stupefacente mostra con importanti prestiti internazionali che si sposterà a giugno nell’istituto partner londinese. Delle circa 100 opere presenti (dipinti, grafica e sculture) molte saranno esposte in pubblico per la prima volta in assoluto.

Francesca Petretto, da Il Giornale dell'Arte numero 404, gennaio 2020


Ricerca


GDA febbraio 2020

Vernissage febbraio 2020

Il Giornale delle Mostre online febbraio 2020

Vedere a ...
Vedere a Bologna 2020

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012