Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Musei

AFRICA | Musei: si cambia modello

In questi anni sta emergendo una nuova generazione di operatori, intraprendenti e preparati

Lo Zeitz Museum of Contemporary Art a Città del Capo

Nel 1992 Alpha Oumar Konaré, presidente del Mali, annunciava che l’Africa doveva «uccidere» il modello occidentale di museo. Un vero e proprio manifesto per ribaltare i rapporti tra Africa e Occidente, rivolto soprattutto all’Icom che egli stesso presiedeva, e tuttavia rimasto perlopiù inascoltato, con l’unica eccezione del dossier del 2018 di Bénédicte Savoy e Felwine Sarr sulle restituzioni, per il quale non sono più Governi e musei africani a dover dimostrare la proprietà di un’opera, bensì è la Francia (o chi per essa) chiamata a provare la legittimità delle acquisizioni.

L’Africa è ricca di musei, oltre i «celebri» Zeitz Mocaa di Città del Capo, Musée des Civilisations Noires a Dakar e il recente Palais de Lomé in Togo: molti sono quelli «coloniali», aperti da metà Ottocento in poi per promuovere la cultura e il mercato europei, proprio mentre, in un curioso sincronismo, i musei etnografici del Vecchio Continente si riempivano di oggetti provenienti dalle colonie. Sull’onda dei movimenti indipendentisti africani, a partire dagli anni ’60 del secolo scorso i musei hanno vissuto una fase di rilancio e ibridazione.

Per esempio nel 1966 Léopold Sédar Senghor, presidente poeta del Senegal, e André Malraux, ministro della Cultura francese, inaugurarono sul litorale della capitale africana l’ormai mitico Musée Dynamique in occasione del Festival mondial des arts nègres, a cui seguirono diverse mostre, tra cui Picasso, Soulages e il senegalese El Hadji Sy (1954), presente a Documenta 2017.

In questi anni sta anche emergendo una nuova generazione di operatori nel campo dell’arte, intraprendenti e preparati, grazie al lavoro dei dipartimenti universitari di Museologia, come quello della University of the Western Cape a Città del Capo, e di istituzioni alternative, come il Centre for Contemporary Art e l’African Artists’ Foundation (Aaf) di Lagos in Nigeria, e la Raw Material Company a Dakar.

Il fondatore dell’Aaf, Azu Nwagbogu (1975), è fra i sostenitori di un nuovo approccio alla collaborazione fra tutti gli attori dello scenario africano: maggiore fiducia nei propri mezzi, meno fiere e progetti pensati per nutrire l’autostima dei curatori, uso della rete e del digitale per coinvolgere i giovani (circa il 60% della popolazione). Ma chi può investire in questi nuovi progetti? Certo, cinesi e coreani sono sempre pronti quando si tratta di costruire nuovi edifici sul suolo africano, e poi? Inoltre, il modello delle biennali può continuare a funzionare anche qui?

Un nodo centrale è far uscire i musei da quella distorta dinamica di scambio che i politici locali ancora mettono in atto con gli investitori: con lo Zeitz Mocaa, per esempio, gli interventi di imprenditori e costruttori europei hanno trasformato l’antico porto della città in un unico, indefinito luogo di shopping e fruizione culturale dai toni molto chic.

Sovvertire questo paradigma è la sfida per i musei africani, ma anche per quelli europei, chiamati ad affrontare il problema «restituzioni», questione etica ancor prima che legale, e nel frattempo a facilitare un accesso diretto alle proprie collezioni, prendendo in esame un nuovo modello di museo università: un luogo e una soluzione in grado di tenere insieme esigenze diverse, economiche, di ricerca interdisciplinare, di creazione di un immaginario condiviso tra artisti, curatori, storici, imperniato sulle collezioni fisiche e digitali, anche mentre queste sono ancora in Europa.

L'autrice dell'articolo, Clémentine Deliss, è curatrice e docente della Hochschule für bildende Künste, Amburgo



AFRICA

La Francia frena
Il Togo non ha bisogno delle restituzioni



Clémentine Deliss, da Il Giornale dell'Arte numero 405, febbraio 2020


Ricerca


GDA febbraio 2020

Vernissage febbraio 2020

Il Giornale delle Mostre online febbraio 2020

Vedere a ...
Vedere a Bologna 2020

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012