Addio Spagnulo, scultore di terra e di fuoco

Giuseppe Spagnulo nel suo studio. Foto © Claudio Abate
Franco Fanelli |  | Milano



Il 15 giugno una polmonite ha stroncato Giuseppe Spagnulo, scultore. Nato nel 1936 a Grottaglie in Puglia, cresciuto nell’officina ceramica di famiglia e poi all’Istituto d’Arte di Faenza, dove incontra Nanni Valentini e Carlo Zauli, nel 1959 si trasferì a Milano, dove, oltre a frequentare l’Accademia di Brera, lavorò per Lucio Fontana e Arnaldo Pomodoro.
La terra, oltre al metallo, sono gli elementi tra i quali si sviluppa la sua ricerca, prima vicina al materismo di retaggio informale e poi via via sviluppatasi in ambito modulare e geometrico, una versione «calda», con bene impressi i segni della lavorazione, del Minimalismo e del Concettualismo.

Tra le prime mostre personali, quelle del 1969 alla Galleria Gian Ferrari e alla Galleria Martano di Torino. Del ’72, in una fase immediatamente successiva alla compenetrazione tra la sua produzione artistica e l’impegno politico a sinistra (amava lavorare
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Franco Fanelli