Addio all'egittologo Silvio Curto

Silvio Curto in una fotografia scattata il giorno del suo novantesimo compleanno nel 2009 © Giacomo Lovera, Settimo Torinese.
Francesco Tiradritti |

Torino. Si è spento ieri Silvio Curto, l’egittologo che sarà sempre ricordato come uno dei più grandi direttori del Museo Egizio di Torino. Nato a Bra nel 1919 proprio alla sua cittadina di nascita aveva dedicato la tesi con la quale si era laureato in archeologia romana nel 1941. Nello stesso anno si era arruolato come ufficiale nella Divisione «Superga». Al termine del servizio militare, nel 1946, era entrato presso la Soprintendenza alle Antichità Egizie con l’incarico di ispettore. Nel 1964 era stato nominato direttore del Museo Egizio di Torino mantenendo questa carica per vent’anni. In questo periodo aveva avuto modo di ammodernare la prestigiosa istituzione torinese rendendola uno dei punti di riferimento dell’egittologia mondiale. Aveva ripristinato le sale guariniane, inaugurato la serie dei cataloghi scientifici e dato impulso a tutta una serie di pubblicazioni volte a fare
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Francesco Tiradritti