Accordo Meis e Colosseo per l’ebraismo

Firmato un protocollo d'intesa: le due istituzioni creeranno una rete di cooperazione culturale

Particolare di un rilievo dell'Arco di Tito a Roma
Arianna Antoniutti |  | Roma

Il 28 ottobre a Roma il Parco archeologico del Colosseo e il Meis, Museo nazionale dell’Ebraismo italiano e della Shoah di Ferrara, hanno firmato un protocollo d’intesa finalizzato alla diffusione della storia dell’ebraismo, a partire dalla distruzione di Gerusalemme a opera dell’imperatore Tito nel 70 d.C.

Grazie ad attività espositive e convegni, progetti di ricerca e di valorizzazione condivisi, scambio di professionalità, strategie di comunicazione digitali integrate, le due istituzioni creeranno una rete di cooperazione culturale, incentrata a Roma su tre monumenti, l’Arco di Tito, il Tempio della Pace, il Colosseo.

Tre luoghi simbolo dell’ebraismo nell’Urbe: l’Arco di Tito, che nei suoi rilievi mostra il trasporto in città del tesoro depredato dal Tempio di Gerusalemme, e l’arrivo degli Ebrei fatti prigionieri da Tito, il Templum Pacis, costruito dai Flavi per esporre lo stesso tesoro, e il Colosseo, edificato anche grazie ai proventi della guerra in Giudea.

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Arianna Antoniutti