ABO è il re del paese della cuccagna

Guglielmo Gigliotti |

In 19 regioni sono spuntati gli «alberi cosmici» della fertilità e della felicità creati dagli artisti per parlare di cibo, ansie, sogni, giochi e fame

Un bosco d’alberi consacrati all’arte è germogliato per tutta l’Italia. Sono le opere concepite da oltre 40 artisti in musei, fondazioni e gallerie di 19 regioni, per il progetto «L’albero della cuccagna. Nutrimenti dell’arte», curato da Achille Bonito Oliva, con il patrocinio di Expo 2015 e la collaborazione del Programma sperimentale per la cultura Sensi Contemporanei dell’Agenzia per la Coesione Territoriale e del Mibact.

Come spiega Bonito Oliva, «è un work in progress con cadenze e scadenze, secondo un respiro spaziale che leva alla mostra qualsiasi pedanteria monumentale».

L’albero cosmico della fertilità e della felicità, che le civiltà agricole arcaiche elessero a simbolo della salvezza dalla fame, torna d’attualità come campanello d’allarme per
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Guglielmo Gigliotti