A Palazzo Monferrato Alessandria è scolpita

Una mostra che rivela l'arte del Piemonte sud-orientale tra ’400 e ’500

«Compianto sul corpo di Cristo», dell'ambito di Giovan Angelo del Maino, dall'Oratorio dei Bianchi di Serravalle Scrivia (Al). Foto di Enzo Bruno
Alessandra Ruffino |  | Alessandria

Dal 14 dicembre al 5 maggio a Palazzo Monferrato si può visitare la mostra «Alessandria scolpita», che, per gli 850 anni di fondazione della città, si propone di far conoscere il patrimonio artistico figurativo prodotto nell’Alessandrino tra Quattro e Cinquecento.

Curata da Fulvio Cervini, l’esposizione presenta 46 opere, tra statue lignee policrome, dipinti e oggetti di oreficeria, allestite in tre sezioni e integrate dal percorso «Alessandria scolpita e dipinta», che consentirà di vedere opere conservate in città che rientrano a pieno titolo nell’orizzonte della mostra.

La rassegna intende illustrare quel periodo della storia alessandrina, coincidente con gli anni del dominio sforzesco, durante il quale la città divenne importante snodo culturale tra Milano e Genova. Proiettandosi in una dimensione extraregionale, Alessandria e il suo territorio seppero allora elaborare modelli figurativi
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Alessandra Ruffino