A Milano la Natività di carta di Francesco Londonio

Al Museo Diocesano una mostra documenta la tradizione settecentesca dei presepi di carta da ritagliare e dipingere

Un particolare di un presepe di carta di Francesco Londonio
Ada Masoero |  | Milano

A 800 anni dal primo presepe (quello vivente, voluto da san Francesco d’Assisi a Greccio nel 1223) e a 300 anni dalla nascita di Francesco Londonio (Milano, 1723-83), il Museo Diocesano Carlo Maria Martini di Milano presenta dal primo dicembre al 28 gennaio 2024 la mostra «Francesco Londonio e la tradizione dei presepi di carta» (catalogo Dario Cimorelli), curata da Alessia Alberti e Alessia Devitini.

Nella Milano del Settecento, Londonio era noto per i dipinti e le acqueforti di tema pastorale, e da un piccolo nucleo di questi lavori prende il via la mostra, che documenta la tradizione dei presepi di carta da ritagliare e dipingere attraverso antichi esemplari ad acquaforte conservati nella Raccolta Achille Bertarelli nel Castello Sforzesco, primi esempi di un’usanza giunta fino al XX secolo.

Il protagonista è però il presepe commissionato a Londonio dal conte Giacomo Mellerio nel settimo-ottavo decennio del Settecento, detto Presepe del Gernetto dal nome della villa in Brianza della nobile famiglia, conservato nel Museo Diocesano ed esposto per la prima volta nella sua interezza (60 le figure, dipinte a tempera su carta e cartoncino sagomati) dopo il restauro che gli ha restituito la freschezza originale.

© Riproduzione riservata Il Presepe, detto del Gernetto, commissionato a Francesco Londonio dal conte Giacomo Mellerio
Calendario Mostre
Altri articoli di Ada Masoero

Le donne delle Fondazioni: perché siamo differenti, che cosa vogliamo dare (e ricevere). 4

Dieci istituzioni dedicate all’arte contemporanea ci raccontano finalità, modalità e criticità. Tutte vorrebbero più collaborazione tra privato e pubblico e agevolazioni dallo Stato, quali ArtBonus e imposizione fiscale più comprensiva dei loro nobili scopi. L’incognita: quale futuro dopo le fondatrici? Altre due istituzioni: la Fondazione Luigi Rovati (risponde Giovanna Forlanelli) e la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo (risponde Patrizia Sandretto Re Rebaudengo)